Il Duomo di Salerno, conosciuto anche come Cattedrale di San Matteo (santo patrono della città di Salerno), è sicuramente uno dei simboli della città.

Il Duomo di Salerno

La cattedrale fu costruita intorno al 1080, inizialmente in progetto era molto più scarno ma con il ritrovamento delle spoglie di San Matteo si decise per una costruzione più maestosa. Il duomo venne consacrato nel 1084 da Papa Gregorio VII che si trovava in esilio nella città. Curiosità: Papa Gregorio VII è sepolto proprio nella Cattedrale di Salerno e rappresenta l’unico Papa non sepolto in territorio Vaticano.

Il Duomo è costruito sul modello dell’Abbazia di Desiderio a Montecassino con una pianta di tipo basilicale composta da tre navate longitudinali, un transetto e un quadriportico. L’aspetto odierno però è dovuto anche a varie successive ricostruzioni tra cui quella barocca avviata dopo il terremoto del 5 giugno 1688.

L’ingresso del Duomo è caratterizzato dalla Porta dei Leoni che presenta la scultura di un leone e una leonessa con un leoncino, il primo rappresenta la forza mentre i secondi raffigurano la carità.

Curiosità: si narra che un miracolo di San Matteo abbia avuto proprio i leoni come protagonisti: durante un assedio saraceno, i pirati riuscirono a penetrare nella Città e una volta arrivati alla Cattedrale per depredare i tesori del Duomo trovarono ad attenderli i due leoni di pietra che nel frattempo avevano preso vita e dunque riuscirono a scacciare i Pirati e a liberare la città!

Al lato meridionale della Cattedrale è collocato il Campanile, esso si innalza per circa 52 metri ed ha lati di 10 metri ognuno, inoltre è realizzato in stile Arabo Normanno.

Il duomo è situato in Piazza Alfano I nel cuore della Città di Salerno, vieni a scoprirlo!